Pietra per affilare, cote, pietra ad acqua: il significato dietro questi termini

Pietre per affilare, cote e pietre ad acqua: ci imbattiamo spesso in questi termini. Anche sul nostro sito web. Ma quali sono le differenze tra questi termini? Oppure: sono davvero diversi? Ti offriamo una panoramica su questa discussione semantica.

Perché non iniziare con "pietre per affilare". È il termine collettivo per tutte le pietre che si usano per affilare coltelli, scalpelli, forbici, asce, insomma tutto ciò che ha un bordo. Ci sono pietre per affilare naturali che sono prese direttamente dalla natura, e pietre per affilare artificiali che sono prodotte in una fabbrica. L'ultimo gruppo è spesso classificato in base al materiale di affilatura utilizzato o al paese di origine. Noi vendiamo, per esempio, pietre per affilare in ceramica, pietre per affilare in diamante e pietre per affilare giapponesi.

Pietre per affilare

Un altro termine spesso usato per le pietre per affilare è whetstone. Entrambi i termini hanno lo stesso significato. Dopo tutto, affilare è affilare! È un termine piuttosto datato ma che viene ancora usato regolarmente.

I materiali utilizzati per queste pietre per affilare sono molto diversi. Le pietre di fabbrica sono per lo più in ossido di alluminio, ceramica o diamante. Quest'ultimo significa: hanno uno strato di affilatura rivestito di diamante, montato su una lastra di acciaio o di alluminio. Le pietre per affialare naturali, come quelle delle Ardenne Coticule sono costituite da granate, mentre le pietre delle montagne dell'Arkansas americane hanno come abrasivo la novaculite.

Quindi cosa sono le pietre ad acqua?

Le migliori pietre per affilare (o whetstones) vengono dal Giappone. Almeno questa è l'opinione generalmente accettata, che noi appoggiamo volentieri. Dopo tutto, i giapponesi sono esperti assoluti quando si tratta di affilatura. Le pietre per affilare giapponesi sono fatte di materiali diversi e generalmente dovrebbero essere usate in combinazione con l'acqua. Questo crea un 'slurry', perché l'acqua si mescola con le particelle di affilatura sciolte. Il vantaggio è che l'affilatura è più facile e veloce. Inoltre, il materiale rimosso viene immediatamente drenato dall'acqua. Come tale, nessuna particella di metallo può rimanere impigliata nella pietra che potrebbe causare graffi sul coltello.

Non è quindi sorprendente che le pietre per affilare giapponesi siano spesso chiamate anche pietre ad acqua. Alcune pietre ad acqua devono essere immerse nell'acqua per riempirsi, mentre altre sono "splash & go" (spruzza e via). Questo significa che solo la superficie della pietra deve essere bagnata e deve rimanere bagnata durante il processo di affilatura. Per quasi tutte le pietre per affilare giapponesi vale che uno di questi due metodi di utilizzo dell'acqua è necessario o fortemente raccomandato.

L'eccezione è rappresentata dalle pietre per affilare diamantate giapponesi, come la collezione Naniwa Diamond Stones. Dopo tutto i diamanti non si consumano, il che significa che non vengono rilasciate particelle durante l'affilatura. Perciò non c'è neanche la fanghiglia quando affili i tuoi coltelli sulle pietre diamantate. Si può, però, aggiungere un po' d'acqua alla pietra per rendere l'affilatura un po' più facile e meno rumorosa.

Le pietre ad acqua sono esclusivamente giapponesi?

Anche se sono spesso usati insieme, "Giappone" e "pietra ad acqua" non devono necessariamente andare insieme. Non tutte le pietre per affilare giapponesi sono pietre ad acqua e non tutte le pietre ad acqua vengono dal Giappone. Questo significa che le pietre non ad acqua devono essere usate 'a secco'? No, anche questo non è il caso. Invece dell'acqua si può anche aggiungere un paio di gocce d'olio alla superficie di alcune pietre per affilare. Questo vale soprattutto per le pietre per affilare naturali molto dure. In generale, tuttavia, vale quanto segue: la maggior parte delle comuni pietre per affilare (non rivestite di diamante) potrebbero essere classificate come pietre ad acqua.

Il vantaggio delle (rare) pietre ad olio è che non si consumano così rapidamente come le più morbide pietre ad acqua. Le pietre ad acqua, tuttavia, rimuovono molto più materiale e sono quindi molto più veloci da lavorare. La differenza tra le due è data dal legante che viene utilizzato. Le particelle affilanti di una pietra ad acqua sono legate da materiale più morbido, le particelle di una pietra ad olio da materiale più duro. Il magnesio, per esempio, che risponde fortemente all'acqua ma è ancora molto forte. Per questa ragione non si dovrebbe mai immergere le pietre per affilare legate al magnesio.

Quindi la conclusione è...?

Per concludere: le pietre per affilare e le pietre da taglio sono la stessa cosa e le pietre ad acqua sono una sottocategoria frequente di queste pietre. Quindi non lasciarti confondere dalla suggestione logica che una pietra per affilare debba sempre essere usata in combinazione con l'acqua. Non è così. Inoltre, le pietre ad acqua non vengono sempre dal Giappone.

Quando si sceglie una pietra (o più pietre) per affilare si dovrebbe sempre tenere a mente il proprio obiettivo. Vuoi lucidare i tuoi coltelli? Se sì, non dovresti scegliere la pietra per affilare diamantata o una pietra ad olio. In questo caso ti consigliamo di usare sempre una pietra ad acqua con una granulometria alta. Tuttavia, se ti accontenti anche di una minore affilatura e vuoi risultati veloci, le pietre diamantate sono un'ottima opzione. Infine, vuoi acquistare una sola pietra per affilare ma utilizzare più "grane"? Perché non optare per la pietra per affilare Ardennes Coticule dove la quantità di fanghiglia che si crea determina la finezza dell'affilatura.

Temi correlati
Spedizione
ups
Metodi di pagamento
payment-visa
payment-mastercard
payment-paypal
ITItalia