Hai un navigatore gravemente obsoleto. Il sito web potrebbe non funzionare correttamente.

Ordina entro le 15:30, invio il giorno stesso
Spedizione gratuita da 75 €
Resi gratuiti entro 30 giorni
I nostri clienti ci valutano con 5 stelle

Come faccio a scegliere il giusto tagliere?

Un tagliere è, come un buon coltello da cucina e una grande padella, indispensabile in ogni cucina. Un buon tagliere assicura che il tuo bordo e il tuo piano di lavoro non si danneggino. C'è una grande varietà di taglieri sul mercato. La differenza tra queste tavole può essere trovata nei materiali utilizzati, nelle dimensioni e nella funzione della tavola. Per dare un'idea chiara di quello che, secondo noi, è un buon tagliere, guardiamo i materiali utilizzati, i vantaggi e gli svantaggi aggiuntivi e l'igiene.

Materiale del tagliere

Nella produzione dei taglieri vengono utilizzati diversi materiali. Ci sono taglieri fatti di legno, plastica, vetro, pietra o una miscela di polpa di legno e resina. Discuteremo i materiali più utilizzati.

Vetro o pietra

Per evitare di danneggiare un coltello da cucina, e con questo intendiamo il bordo che diventa smussato, è importante che il materiale del tagliere sia più morbido del coltello. Per questo motivo i taglieri di legno e di plastica non faranno diventare smussati i tuoi coltelli. I taglieri duri in pietra o vetro, tuttavia, lo faranno. Sono facili da pulire, ma ogni volta che il coltello entra in contatto con la tavola ne danneggia il bordo. Ecco perché crediamo che un tagliere di vetro o di pietra non sia adatto e raccomandiamo di usare questi tipi di taglieri solo da portata.

Plastica

I taglieri in plastica sono economici e a prova di lavastoviglie. Ci rendiamo conto che per alcuni questi sono i requisiti più importanti. Tuttavia, di solito sono più morbidi di un tagliere in legno. Se il tagliere è molto graffiato, è meglio sostituirlo. A nessuno piacciono i pezzi di plastica nella propria cena!

Scopri tutti i taglieri di plastica qui

Legno

Il legno è un materiale morbido che non intacca il bordo dei tuoi coltelli da cucina. Inoltre, il legno è un materiale vivo. È flessibile e si richiuderà da solo. Il più delle volte i taglieri di legno sono fatti di faggio, betulla, bambù o noce. Il vantaggio principale di un grande tagliere di legno è che è bello e saldo sul tuo piano di lavoro e non scivolerà mentre usi il coltello.

Un tagliere di legno non è però a prova di lavastoviglie e richiede una certa manutenzione. Ti diremo come puoi godere appieno del tuo tagliere di legno. Leggi di più nella nostra info-topic: "come manutenere un tagliere in legno?"

Un tagliere di legno prodotto da Eden

Pasta di legno e resina

I taglieri Sage sono fatti con una combinazione di legno, pasta di legno e resina certificati FSC. I taglieri sono abbastanza morbidi da non danneggiare i coltelli e anche extra igienici perché non sono porosi. Pertanto il tagliere Sage aderisce alla norma HACCP. Rispetto alla maggior parte dei "normali" taglieri di legno, questi taglieri sono a prova di lavastoviglie. Oltre al fatto che questa tavola è fantastica da usare, è anche resistente al calore (fino a 350 gradi), il che significa che puoi anche usarla come sottobicchiere.

Poliuretano termoplastico

TPU è l'acronimo per Poliuretano Termoplastico (Thermoplastic Polyurethane.). In breve, questo materiale offre alcuni importanti vantaggi rispetto ai "normali" taglieri di plastica: è resistente ai graffi, flessibile, non assorbe odori o sapori e non dà scampo ai batteri. Questo materiale lavora con te mentre lo usi. In questo modo non si graffia il materiale, il che significa che i tuoi coltelli mantengono la loro affilatura. Un altro vantaggio è che questi taglieri sono a prova di lavastoviglie. D'altra parte, manca l'aspetto solido e unico del legno.

Taglieri igienici

A volte si dice che i taglieri di legno non sono igienici. Questo non è proprio vero Dopo tutto, quando si taglia in un tagliere e cominciano ad emergere delle scanalature, è lì che si accumulano i batteri. Una scanalatura in un tagliere di plastica si chiuderà intorno alla sporcizia. Potresti provare a lavarlo via, ma è probabile che non riuscirai a toglierlo tutto. Un tagliere in legno non si chiude intorno allo sporco ma si apre quando lo si pulisce. Come tale si può facilmente sbarazzare di tutto lo sporco. Inoltre, i tannini, una qualità antibatterica del legno, aiutano ad uccidere la maggior parte dei batteri. Finché un tagliere di legno è ben oliato in modo che i pori siano riempiti e non abbiano spazio per i batteri, non ci si deve preoccupare.

Conclusione: qual è il miglior materiale per un tagliere?

Da Knivesandtools è possibile acquistare diversi tipi di taglieri. Stai cercando un solido tagliere che sia anche bello da vedere nella tua cucina? Se è così, il legno è la migliore opzione. Tuttavia, è necessario la manutenzione del tagliere e la pulizia a mano.

Vuoi un tagliere che sia a prova di lavastoviglie ma che abbia anche il colore del legno? Se è così, controlla i taglieri Sage. Anche questi taglieri aderiscono alla norma HACCP.