Hai un navigatore gravemente obsoleto. Il sito web potrebbe non funzionare correttamente.

Coltello da chef vs santoku: quali sono le differenze?

Spesso ci viene chiesto: "Quali sono le differenze tra un coltello da chef e un coltello santoku?". La differenza maggiore è nella forma della lama. Mentre la lama di un coltello da chef termina con una punta appuntita, si può notare che il santoku degrada dal dorso al bordo. Per questo motivo, entrambi i coltelli richiedono tecniche di taglio diverse. Ma con entrambi i tipi di coltello si tagliano gli stessi ingredienti. Quale dei due scegliere dipende quindi dalle tue preferenze. Ma quali sono esattamente le diverse tecniche di taglio? Knivesandtools te lo spiega!

Coltello da chef

Il coltello da chef è caratterizzato dalla forma appuntita della lama. Per via di questa forma, un coltello da chef ha solitamente un bordo "arrotondato", a differenza del bordo dritto di un santoku.

Il coltello da chef è la base di ogni set di coltelli in Europa grazie alla sua forma versatile. Tagliare con un coltello da chef non richiede molta pratica e quasi tutti sono cresciuti con questo strumento. Un coltello da chef è un vero tuttofare. È perfetto per tagliuzzare verdure, carne e pesce. Ma un coltello da chef è ottimo anche per i compiti che richiedono precisione, grazie alla sua punta appuntita.

Il bordo convesso si presta molto bene a una delle tecniche di taglio più diffuse: dondolare la lama. È adatto per tritare finemente le erbe. L'oscillazione è una tecnica di taglio in cui si posiziona la punta della lama sul tagliere e si porta il tallone della lama verso ciò che si vuole tagliare. La punta rimane sempre (circa) in posizione e non si stacca dal tagliere. In questo modo si crea un movimento oscillante.

Un coltello da chef ha generalmente una lama di lunghezza compresa tra 16 e 24 cm. Esistono anche coltelli da chef più piccoli, con una lunghezza della lama inferiore a 16 cm. Ma se le dimensioni sono inferiori, allora in questo caso si parla di spelucchino a lama dritto.

Vuoi saperne di più sul taglio con il coltello da chef? Allora leggi: Cinque consigli per usare un coltello da chef in modo sicuro ed efficiente

Santoku

I Santoku hanno origine nella cucina asiatica e sono la versione giapponese del coltello da chef. Un coltello santoku è caratterizzato dal bordo dritto. A differenza di un coltello da chef, la lama ha un'altezza simile per tutta la sua lunghezza e scende solo in punta. Grazie al bordo dritto, il santoku non dondola sulla superficie di taglio, come invece accadrebbe con un bordo "arrotondato". In questo modo è più facile utilizzare l'intera lunghezza del tagliente durante il taglio.

Il bordo dritto del santoku si presta bene alla tecnica del taglio a pressione. A questo scopo si utilizza una presa a pressione. Si tratta di una tecnica in cui si blocca l'inizio della lama tra il pollice e l'indice. Poiché si afferra la lama vicino al manico, si ha un grande controllo su ciò che si sta tagliando. Si taglia con un movimento diagonale da dietro-alto a sotto-avanti. Dopo ogni taglio, si solleva la lama e la si riporta nella posizione di partenza. Per questa tecnica, la pratica rende perfetti! Quando la si padroneggia, è una delle tecniche di taglio più efficaci.

A differenza del coltello da chef, il santoku tende ad avere una lama più corta. La maggior parte di essi misura tra i 16 e i 20 cm. Questo rende il santoku molto popolare tra gli chef e i cuochi per hobby che preferiscono un coltello da cucina più corto.

Vuoi saperne di più sul taglio con il santoku? Allora leggi il nostro articolo: Come tagliare con un santoku.

Quale dei due sceglierai?

Un coltello da chef non è migliore rispetto a un santoku. E un santoku non è migliore di un coltello da chef. Dipende dai gusti e dalle tecniche di taglio che si preferiscono.

Temi correlati
Spedizione
ups
Metodi di pagamento
payment-visa
payment-mastercard
payment-paypal
ITItalia