Hai un navigatore gravemente obsoleto. Il sito web potrebbe non funzionare correttamente.

Ordina entro le 15:30, invio il giorno stesso
Spedizione gratuita da 100 €
Resi gratuiti entro 30 giorni
I nostri clienti ci valutano con 5 stelle

Come: spaccare la legna

Spaccare la legna significa trasformare il tronco dell'albero in pezzi più piccoli di legna (da ardere). Questi pezzi di legno sono adatti per la pila di essiccazione e successivamente per il camino o il fuoco da campo. Di solito si spacca la legna appena tagliata o segata. Il legno fresco è più facile da spaccare, quindi non aspettare troppo tempo dopo aver tagliato un albero! In questo articolo ti spiegheremo come spaccare la legna da ardere. Vuoi saperne di più su come creaer legna da ardere? Abbiamo scritto un altro articolo proprio su come spaccare la legna da ardere.

Contenuto

Tipo di ascia

Quando si spaccano pezzi di legno più grandi si usa un martello o un'ascia da spacco. Queste asce sono più pesanti e spingono il blocco a parte. Queste asce non sono affilate. Si usa un martello da spacco se si usa anche un cuneo di metallo quando si spacca il legno. Si riconosce un martello da spacco dal suo involucro più spesso e dal dorso simile a un martello. Per questo l'ascia può sopportare abbastanza. Qualsiasi altra ascia non è fatta per essere usata quando si colpisce il metallo. A causa dei duri colpi l'ascia potrebbe essere danneggiata. Come tale non dovresti mai usare un'altra ascia come cuneo.

Due possibili danni causati colpendo un cuneo di metallo con l'ascia sbagliata

Prima di iniziare a lavorare, controlla sempre se la testa è propriamente attaccata al manico. Controlla anche l'affilatura dell'ascia battendo leggermente il legno. L'ascia rimane bloccata? Se è così, l'ascia è affilata sufficientemente.

Il blocco di taglio

Un buon blocco di taglio è una parte fondamentale quando si spacca la legna. Assicura che l'acetta da spaccio non oscilli indietro verso le gambe e fa anche in modo che l'ascia non colpisca il suolo.

Il perfetto blocco di taglio è un pezzo di legno dritto ad altezza del ginocchio. Difficile trovare il giusto pezzo di legno? Meglio non usare alcun blocco di taglio che un blocco troppo alto. Quando si spacca la legna senza tagliuzzare il blocco, l'ascia colpirà il suolo più spesso smussando il bordo più velocemente, ma almeno l'ascia non ti colpirà.

Più è ampio il blocco, meglio è. Posiziona il blocco su una base solida e metti sempre il legno che vuoi spaccare sul bordo più lontano del blocco da taglio. In questo modo, se colpisci il pezzo di legno sbagliato l'ascia finirà nel blocco e non nella tua gamba.

Il posizionamento sbagliato
Il posizionamento corretto

Tecnica

Oltre al blocco di taglio adeguato, la tecnica giusta è la chiave per l'efficienza, la tua sicurezza e quella degli altri.

Determinare la distanza

Afferra l'ascia all'estremità del manico con una mano e stendi il braccio. Posiziona il bordo dell'ascia sul bordo anteriore del pezzo di legno che vuoi spaccare. Questa è la distanza giusta. Quando si spacca il legno si colpisce in media circa 10 cm più lontano di quanto si pensi. Ecco perché si dovrebbe sempre puntare verso il bordo anteriore del pezzo di legno che si vuole spaccare.

Determinare la distanza

Ambiente di lavoro sicuro

Assicurati di lavorare in un ambiente sicuro. Ad esempio, non spaccare mai la legna in presenza di bambini. In questo modo si rischia che le cose vadano storte. E se qualcuno vuole guardarti mentre spacchi la legna? Assicurati che si tenga a distanza di sicurezza e che si metta alla tua sinistra o alla tua destra. Se si posizionano di fronte a te, rischiano di trovarsi in grossi guai se la testa dell'ascia si dovesse staccare o se l'ascia ti scivola di mano.

Spaccare la legna

Tira l'ascia verso il petto (con il bordo rivolto in avanti) con una mano sotto la testa e una mano sul pomello del manico. Spingi l'ascia verso l'alto e afferra il manico con entrambe le mani in corrispondenza del pomolo. Assicurati che l'ascia non sia inclinata all'indietro. Questa posizione non fa bene alla schiena. L'ascia è posizionata proprio sopra la tua testa, ora guarda in mezzo alle tue braccia. Quando lasci cadere l'ascia, piega le ginocchia. Se lo fai correttamente, l'ascia non oscillerà verso di te, ma finirà nel ceppo o a terra. Se l'operazione viene eseguita con successo, l'intero bordo dell'ascia colpirà il legno, spaccandolo.

Tecnica giusta allungata. Ascia direttamente sopra la testa.
Tecnica corretta durante la discesa. Piegare correttamente le ginocchia.

Colpisci più volte

È normale che si debba colpire il pezzo di legno un paio di volte, soprattutto se si sta spaccando uno grosso. Durante questa operazione, purtroppo, anche la maggior parte dei manici d'ascia è a rischio polvere. È il risultato di un problema che può essere facilmente risolto. Metti sempre il pezzo di legno sul bordo esterno del ceppo e mira al bordo anteriore del legno. Se miri alla parte posteriore è probabile che la testa colpisca la parte posteriore del legno. Il risultato è che il manico si rompe sulla testa. Un'altra opzione è che la parte posteriore del legno si rompa, ma il nucleo no. In questo caso il manico colpirà anche il legno, il che potrebbe causarne la rottura. Quindi colpisci sempre il bordo anteriore del legno. Se necessario, puoi sempre girare il legno in modo da raggiungere il posto che vuoi colpire.

Un'ascia che si impiglia nel legno

Se l'ascia si impiglia nel pezzo di legno che si vuole spaccare, non bisogna mai sollevare né l'ascia né il pezzo di legno. Questo potrebbe davvero danneggiare la tua schiena ed è pericoloso se il blocco improvvisamente si stacca. Metti la mano sul blocco che vuoi spaccare per assicurarti che non possa muoversi e colpisci il palmo della mano sull'estremità più lontana del manico. Mentre lo fai, prendi immediatamente in mano il manico. Dopodiché, togli lentamente l'ascia dal legno. Grazie alla forma della testa, si potrà estrarre facilmente.

Un nodo

Purtroppo i pezzi di legno contengono spesso dei nodi. Un nodo è una parte del tronco dalla quale stava iniziando a crescere un ramo. Come risultato, spaccare la legna sarà molto più difficile. Tagliare un grande nodo è quasi impossibile. Anche se si usa un cuneo e un martello per spaccare. È possibile, ma avrai subito bisogno di una lunga pausa. Non è l'ideale se devi spaccare un sacco di legna. Ecco perché tagliamo sempre intorno al nodo e lasciamo solo la parte che contiene un nodo. Le parti con i nodi sono perfette per un eventuale falò.

Il nodo cresce fino al nucleo, ma non oltre. Ecco perché la prima linea di taglio è perpendicolare al nodo. Appena avrai spaccato la parte senza nodo, spacca un po' più vicino al nodo. Lascia l'ultima parte così com'è.

1: La prima linea di taglio con un nodo. 2: Seconda linea di taglio. 3: Nodo.

Pausa

Quando si spacca la legna, se si ha bisogno di una pausa, si colpisce l'intero bordo dell'ascia nel blocco di taglio o nel pezzo di legno che si vuole spaccare. In questo modo il bordo non può ferire nessuno. Tuttavia, assicurati che l'ascia non rimanga troppo a lungo nel legno. Il legno fresco è umido e può contenere acidi (acidi tannici nel caso di una quercia). Questo potrebbe tradursi in un'ascia arrugginita.

Guardia overstrike

Le opinioni differiscono sulla reale efficacia di una guardia overstrike. Una guardia overstrike è un pezzo di pelle sul manico, situato appena sotto la testa dell'ascia. Ha lo scopo di diminuire i danni se si manca il bersaglio. In un certo senso la guardia overstrike compie il suo lavoro. Tuttavia, se sbagli il colpo, una guardia overstrike non ti servirà a molto. Si potrebbe dire che una guardia overstrike dà un falso senso di sicurezza. Anche perché non si può dire se il manico è stato danneggiato sotto la guardia dell'overstrike. Quindi, sì, per i danni leggeri potrebbe essere d'aiuto, ma controlla regolarmente il legno sotto la guardia overstrike. Dobbiamo ammettere, però, che una guardia overstrike è davvero bella.

Un altro modo per spaccare la legna

Spaccare la propria legna da ardere con un'accetta da spacco è naturalmente un buon esercizio, ma se non si è sicuri di ciò che si sta facendo, può anche essere pericoloso. Per questo motivo esistono anche altri modi per spaccare la legna. Con il Kindling Cracker, per esempio. Con esso si spacca la legna inserendo un blocco all'interno e colpendolo con un martello. È un modo semplice per spaccare la legna. L'unico svantaggio è che il blocco deve essere più piccolo dell'anello superiore del Kindling Cracker. Nella nostra pagina per gli attrezzi per spaccare la legna troverai tutti i metodi alternativi per spaccare la legna.

Quanto deve essere grande la legna?

Se sei impegnato a spaccare la legna, puoi continuare fino a quando non ti rimangono solo piccoli pezzi di legno. Ma quali sono i formati perfetti per la tua legna da ardere? La dimensione perfetta dipende dalle dimensioni del caminetto. Ma per un caminetto medio un diametro di 10-15 cm è l'ideale. Un blocco del genere non si brucia immediatamente. È anche pratico avere un po' di legna più piccola, con la quale ci si assicura che il fuoco bruci abbastanza intensamente per accendere correttamente i blocchi più grandi.

Essiccazione della legna

Se si spacca la propria legna, è necessario anche essiccarla. Il legno fresco contiene l'80% di umidità e deve prima asciugarsi. La legna bagnata non brucia facilmente e produce molto fumo. Assicurati anche che i blocchi non siano troppo grandi, perché quelli spessi impiegano più tempo ad asciugare.

Dove si lascia essiccare la legna?

I blocchi che giacciono al vento si asciugano meglio. Per questo motivo è meglio lasciare che la legna si asciughi sotto un riparo. In questo modo il vento può penetrare, ma la legna sarà anche protetta dalla pioggia. Non coprire la legna con la plastica, altrimenti non si asciugherà correttamente.

Quando si asciuga il legno?

Con un contenuto di umidità del 20% la legna è sufficientemente asciutta per bruciare correttamente. A seconda del tipo di legno, possono essere necessari da 1,5 a 2 anni. I tipi di legno che contengono molta resina, come il pino, il larice o l'abete rosso, non sono adatti alla combustione nella stufa o nel fuoco da campo. La resina, in particolare, produce molte scintille. Frassino, tiglio, salice e betulla hanno bisogno di circa 1 anno e mezzo per essiccare. Il legno di alberi da frutto, quercia e faggio richiede un po' più di tempo. Questo legno impiega circa 2 anni e mezzo per asciugarsi.

Tipo di legnoTempo di essiccazione
Pino, Pioppo1 anno
Betulla, Ontano, Frassino, Tiglio, Abete rosso, Salice1 anno e mezzo
Faggio, Alberi da frutto2 anni
Quercia2 anni e mezzo