Hai un navigatore gravemente obsoleto. Il sito web potrebbe non funzionare correttamente.

Ordina oggi, verrà spedito lunedì
Spedizione gratuita da 100 €
Resi gratuiti entro 30 giorni
I nostri clienti ci valutano con 5 stelle

Gerber Principle vs ESEE Izula II | Versus di Padraig Croke

Il Gerber Principle ha qualche anno, ma non ho visto molte persone usarlo. Mi sembrano un'ottima opzione per le lame di riserva. Abbiamo quindi pensato: perché non metterlo a confronto con quello che probabilmente è il suo concorrente più diretto... Il collaudato ESEE Izula II, a mio parere una delle migliori lame di riserva attualmente sul mercato. Entrambi i coltelli sono prodotti negli Stati Uniti, hanno una fascia di prezzo molto simile e sono praticamente delle stesse dimensioni. Se stai scegliendo una lama di riserva per integrare il tuo coltello da campeggio più grande, quale preferirai? Diamo un'occhiata più da vicino a questi due strumenti e a come si posizionano l'uno rispetto all'altro. Tieni presente che questi confronti sono soggettivi e completamente aperti al dibattito. Fammi sapere se hai un'opinione diversa!

Lame di riserva/Coltello da collo

Lame di riserva? Per il bene di questo articolo, diciamo che una lama di riserva è un coltello che dovrebbe lavorare accanto a un coltello da campo più grande. Indossato di solito al collo in campeggio, o magari sul lato dello zaino quando si è in viaggio, in teoria le esigenze di questi strumenti non dovrebbero essere così estreme da pretendere che si battano, si torcano o si avvitino nello stesso modo in cui ci si aspetterebbe che si comportino i nostri coltelli principali. Ciò non significa che questi coltelli non siano in grado di fare queste cose. Infatti, ho sottoposto entrambi a compiti piuttosto impegnativi, con ottimi risultati. Potete leggere il mio articolo dettagliato sul tempo trascorso con l'ESEE Izula qui. Quali sono quindi i parametri di confronto su questi tipi di strumenti? Penso che non sia giusto sottoporli a compiti come il batonning, il taglio, lo stress test, perché semplicemente non sono stati progettati per questo. A mio parere, dovrebbero essere compatti e discreti, leggeri ma robusti, abbastanza comodi da volerli usare spesso e abbastanza comodi da poterli usare al posto del coltello principale per i lavori di base da campo, come la preparazione rapida del cibo, il taglio di corde, l'apertura di confezioni di cibo o la realizzazione di piccoli utensili da campo.

L'ESEE Izula II e il Gerber Principle

L'acciaio scelto

L'acciaio scelto è il 1095 per l'Izula e il 420HC per il Principle. Secondo la mia esperienza, il 1095, essendo un acciaio ad alto tenore di carbonio, è estremamente sensibile alla corrosione e alle macchie di ruggine. L'ESEE ha adottato misure per mitigare questo problema verniciando a polvere i suoi coltelli, e l'Izula non fa eccezione. Non ho grossi problemi con la verniciatura a polvere, tuttavia, per un coltello bushcraft di riserva, questo limita la sua utilità, come ad esempio la possibilità di colpire una legna da ardere. L'uso di una lama di riserva con un acciarino è molto comune e per me è uno dei requisiti quasi essenziali per un attrezzo di questo tipo. Detto questo, continuo ad amare il 1095. È semplice, è facile da mantenere e da affilare (nonostante la ruggine a chiazze di cui sopra) e mantiene bene la sua affilatura. Per un principiante, il 1095 è un'ottima scelta.

Passando al Principle, la scelta dell'acciaio è caduta sul 420HC, un acciaio di fascia bassa con cui non avevo mai avuto esperienza prima di questo coltello. Essendo inossidabile, dopo un fine settimana di uso intenso avrà sicuramente un aspetto migliore di quello dell'Izula (se hai rimosso la verniciatura a polvere, come ho fatto io). A parte l'estetica, il bordo reggerà rispetto al 1095? Secondo la mia esperienza, la risposta breve è no. Con entrambi i coltelli appena levigati, l'Izula è rimasto affilato un po' più a lungo del Principle. Ho cercato di mantenere i compiti semplici, ma fedeli ai tipi di lavoro che normalmente mi aspetto da una lama di riserva. Come già detto, si trattava di tagliare il legno (per fare bastoncini di piume), raschiare la corteccia di betulla e affettare confezioni di cibo. Per quest'ultimo ho semplicemente preso del cartone, l'ho affettato per un po' e poi sono tornato a creare i trucioli per il fuoco. Sebbene le differenze non siano enormi, si notano.

Per me il 1095 vince questo round.

Materiali scelti

A parte l'acciaio vero e proprio, le scelte dei materiali giocano un ruolo fondamentale nella qualità di una lama. Questo vale non solo per i materiali del manico, ma anche per il fodero e la scelta dell'hardware, come i dadi e i bulloni che tengono insieme la lama. Per entrambi questi coltelli, i materiali non sono eccessivamente pregiati e quindi la natura soggettiva di queste opinioni si riduce a cose come la vestibilità e la finitura, la durata e la robustezza nel tempo. Come ho già detto, l'Izula mi accompagna da anni, senza alcun problema di usura. Ma entriamo nei dettagli.

A partire dalla scelta del manico, sull'Izula abbiamo guancette in micarta telata tenute in posizione con viti a brugola. Questo le rende facilmente rimovibili e sostituibili con materiali o colori diversi, a scelta. Il Principle è dotato di un manico in gomma sovrastampata che è abbastanza confortevole e presenta 3 "fori di fissaggio" lungo il manico, non legherei mai il mio coltello a un bastone, soprattutto se fosse il mio unico strumento di taglio. Ma non è questo il punto. In termini di utilità pura e qualità del materiale, per me il micarta è un po' più afferrabile, soprattutto quando è bagnato, anche se devo dire che con il tempo il micarta può intasarsi leggermente, riducendo la sua presa. Non è un problema grave se si pulisce il coltello, ma la gomma non ne risente. Ma ecco che arriva il problema... a quanto pare il materiale del manico in gomma del Principle inizia a cadere a pezzi e a rompersi! Ho letto più di un commento online al riguardo. E di sicuro anche il mio mostra segni di usura.

Dopo le guancette, il fodero è un altro fattore, sia per quanto riguarda la scelta del materiale che per la vestibilità/finitura. Sia l'Izula che il Principle sono dotati di foderi in plastica, ma le somiglianze finiscono qui. Mi piace molto il fodero fornito con l'Izula. È super solido, aderente, compatto e semplice, e consente diverse opzioni di montaggio. Una semplice clip sul retro consente il trasporto in cintura, così come i fori utili per il paracord. Per molto tempo ho scelto di utilizzare il foro superiore con una corda di cuoio come opzione di trasporto al collo. Tuttavia, ho scoperto che con questo orientamento era un po' difficile sguainarlo con una sola mano. Se vuoi passare a un prodotto aftermarket (usato), ti consiglio vivamente di dare un'occhiata al fodero Armatus per questo coltello, che è ancora più versatile e robusto di quello di serie. Il fodero Gerber Principles è un'interessante combinazione di cose: alcune mi piacciono, altre no. In termini di versatilità, è molto buono. I vari attacchi forniti con il fodero lo rendono molto facile da trasportare in una varietà di stili. Lo stile di trasporto scout, la fettuccia MOLLE, il trasporto con la cintura standard, sono tutti possibili con il sistema, e le sostituzioni sono abbastanza facili da cambiare al volo. Devo dire che il coltello è un po' ruvido nel fodero e non sono del tutto sicuro della sicurezza del mio coltello. Sembra che abbiano cercato di porre rimedio a questo problema con una cinghia in velcro intorno al manico, il che è abbastanza corretto. Fa il suo dovere, ma ho l'impressione che si tratti di una soluzione posticcia, piuttosto che di un progetto iniziale. E se si perdesse il velcro, la sicurezza del coltello sarebbe sicuramente a rischio.

Per me, l'ESEE Izula vince per quanto riguarda la scelta dei materiali, oltre che per la vestibilità e la finitura.

Il fodero del Gerber Principle è molto versatile

Ergonomia

Non si può assolutamente negare la comodità di questi due strumenti quando si tengono ina mano. Come già detto, ho usato l'Izula per molti anni senza alcun problema di punti caldi o vesciche. Il manico ha una lunghezza sufficiente per una presa completa e l'estremità arrotondata del pomo si appoggia comodamente al petto quando lo uso per la leva pettorale. La cosa più comoda dell'Izula per me è la guardia per le dita sovradimensionata nella lama, che mi permette di stringere davvero il filo del taglio. Questo mi dà molta sicurezza e controllo, e la dentellatura sul dorso facilita ulteriormente questo aspetto. L'Izula è ben al di sopra del suo peso, e credo che questo abbia decisamente a che fare con l'ergonomia molto ben studiata. Le guancette sono abbastanza robuste, anche se qualche millimetro in più sarebbe gradito. Inoltre, a volte possono sembrare un po' squadrate. Per quanto riguarda la geometria del bordo, preferisco sempre un bordo scandi. L'affilatura a sciabola dell'Izula è perfettamente in grado di funzionare, come quella di tutti i coltelli ESEE, e il mio stile di affilatura ha fatto sì che il bordo del mio Izula migliorasse sempre di più nel tempo, modellandosi sulle mie preferenze. Tuttavia, credo che amerei ancora di più il mio Izula se fosse dotato di uno scandi.

Passiamo al Gerber Principle, e sì... questo coltello è assolutamente comodo in mano. Non importa il manico o l'orientamento della mano, il Principle fa tutto. Gerber ha chiaramente fatto i compiti a casa e si vede. La punta è agile e precisa. Il dorso è affilato e molto utile con un acciarino. Mi piace molto anche il bordo scandi che hanno messo su questa lama. È perfettamente adatto alle attività di bushcraft. Come già detto, qualsiasi tipo di impugnatura funziona alla grande e la plastica sovrastampata è robusta e resistente. Il fodero, anche se un po' ruvido, consente di portare questa lama in così tante posizioni diverse che è sempre facile trovare uno stile adatto, rendendo molto facile l'estrazione con una sola mano.

Per quanto riguarda la sensazione generale e la comodità, devo scegliere il Principle. Gerber ha fatto centro con l'ergonomia.

Conclusione

Quando qualcosa è ben progettato, come un'applicazione, un sito web, uno strumento, qualsiasi cosa... le scelte fatte dai progettisti sono invisibili. Si pensa: "È ovvio che sia così, perché dovrebbe essere in un altro modo?". È solo quando qualcosa non funziona che ci accorgiamo delle scelte progettuali sbagliate e la nostra frustrazione viene fuori. Ci sono molti che giurano per i coltelli Gerber, ma per qualche motivo continuano a non essere all'altezza delle aree che considero importanti. Piuttosto che concentrarsi su aspetti irrelevanti, vorrei che semplificassero i loro prodotti e si concentrassero sulla costruzione di utensili senza fronzoli. Sia il Principle che la nuova ascia che hanno rilasciato di recente soffrono di questa sindrome da campanelli e fischietti, mentre mancano alcuni aspetti fondamentali del design. Forse si tratta di scelte di marketing, non ne sono sicuro. Ma quello che ESEE ci dimostra è che, con una solida scelta di materiali di buona qualità, la considerazione per l'utente finale e per l'uso che se ne fa, e una fiducia senza fronzoli nel proprio prodotto, è possibile ottenere un coltello affidabile e popolare. Sembra una soluzione ovvia, ma apparentemente non lo è. Grazie alla comodità del Principle e alle sue caratteristiche, come il dorso a 90 gradi e il bordo scandi, pensavo davvero che l'Izula potesse essere detronizzato nella categoria dei coltelli di riserva. Ma non questa volta, a quanto pare. Ci sono troppi fastidiosi inconvenienti con il Gerber che semplicemente non sono presenti nell'ESEE. Un fodero rumoroso, parti difficili come il velcro e gli inserti in plastica e la possibilità che il materiale del manico vada in pezzi senza poterlo sostituire, per me l'ESEE Izula II rimane il migliore.

ESEE Izula II

Pro

  • Scelta di materiali di alta qualità per la lama, il fodero e le guancette
  • Garanzia a vita di ESEE, senza alcuna domanda
  • Opzioni di trasporto versatili
  • Ergonomico e molto comodo da usare
  • Ampia gamma di aggiornamenti aftermarket
  • Guancette rimovibili

Contro

  • La verniciatura a polvere può essere più fastidiosa che utile
  • Fuori dalla scatola, non è molto adatto al bushcraft con affilatura a sciabola e senza dorso
  • Più costoso del Principle

Gerber Principle

Pro

  • Molto comodo da impugnare e utilizzare
  • Dorso affilato a 90 gradi che rende possibile l'uso di acciarino e compiti di raschiatura
  • Opzioni di trasporto versatili con i componenti
  • Affilatura a scansione più adatta a compiti di tipo bushcraft
  • Facile da affilare

Contro

  • Il coltello tintinna nel fodero
  • Componenti difficili da usare
  • Il fodero sovrastampato non è molto robusto, si dice che possa cadere a pezzi
  • Nessun aggiornamento aftermarket
  • Guancette non sostituibili o rimovibili
Padraig Croke

Pedraig Croke è un esperto del bushcraft e un appassionato di outdoor, di intaglio del legno e un escursionista. È il co-conduttore di The Trial by Fire Podcast, un podcast bisettimanale dedicato a tutto ciò che è bushcraft e outdoor. È anche un amministratore della comunità online Living to Learn e designer principale della rivista The Bushcraft Journal.

Nel Podcast Trial by Fire, Padraig Croke e Joe Price discutono di tutto ciò che è buscraft e outdoor. Puoi trovare tutti gli episodi su TrialByFire, e tutti sono disponibili cercando 'The Trial by Fire Podcast' su iTunes, Spotify e Stitcher. E segui @thetrialbyfirepodcast su Instagram.

Grazie Padraig per questa fantastica recensione!