Hai un navigatore gravemente obsoleto. Il sito web potrebbe non funzionare correttamente.

Nitecore NPB4 | Recensione dell'Esperto Koen van der Jagt

L'alimentazione portatile è essenziale nella nostra epoca di smartphone, tablet e altri dispositivi ricaricabili che consumano energia. C'è un power bank su cui puoi contare, uno che non si arrende dopo una sola sessione di ricarica e che sia anche completamente impermeabile? Nitecore sostiene un power bank del genere. Lascia che ti presenti: il NPB4!

Le prime impressioni:

L'attraente scatola del NPB4 è abbastanza sostanziosa, indicando già che questo power bank è un giocatore pesante. Questo non è troppo sorprendente, dal momento che ottiene la sua energia da non meno di quattro batterie 21700, e quelle sono grandi con una grande capacità. Totalmente in linea con la tendenza attuale, non viene fornito con un caricabatterie; un peccato, perché fa la differenza (in termini di tempo) se si carica il NPB4 con un caricabatterie per smartphone vecchio di anni o con una moderna spina ad alta capacità.

Il NPB4 è un ragazzo pesante - soprattutto in termini di peso, perché in realtà è abbastanza compatto per un power bank da 20.000 mAh. Sta bene in mano, ma durante l'uso prolungato è meglio metterlo sui piedini antiscivolo o portarlo nella fondina in dotazione, attaccata alla cintura o alla tracolla. Possiamo notare alcuni dettagli degni di nota: un "pulsante touch" che permette di controllare lo stato della batteria e due ganci estensibili di cui non si legge nulla nel manuale. A mio parere, un modo in più per fissare il NPB4. Sulla parte superiore è dove troviamo l'essenza di un power bank: le connessioni. Delle quattro porte in totale, è possibile utilizzare due come ingresso e tre come uscita, il che significa che è possibile caricare fino a tre dispositivi allo stesso tempo. Le porte sono sufficientemente distanziate tra loro in modo che i cavi non si intralcino a vicenda. Per quanto riguarda la qualità costruttiva e la finitura, non c'è nulla da criticare su questo prodotto: questo power bank si sente solido, senza scricchiolii o punti deboli.

In termini pratici:

Ci vuole pochissimo sforzo per l'utente per mettere in funzione il Nitecore NPB4, è semplicemente "plug and play" (collega e inizia a giocare). Si può caricare tramite micro-USB o USB-C - io preferisco quest'ultima per la velocità, dato che ci vuole un tempo abbastanza lungo (circa quattro ore) prima che il power bank sia completamente carico. Rcordati di caricarlo durante la notte, per esempio. Inoltre è importante: questo tipo di batteria rimane in condizioni ottimali quando la ricarichi almeno una volta ogni trimestre, indipendentemente dal fatto che tu abbia usato il power bank durante quel periodo.

Una volta caricato, il Nitecore NPB4 è una stazione di alimentazione affidabile che può caricare completamente il mio Samsung serie S quattro o cinque volte senza problemi ed è anche abbastanza potente da ricaricare un telefono completamente vuoto mentre lo si sta usando allo stesso tempo. Anche la ricarica di più dispositivi allo stesso tempo è possibile senza problemi, ma questo va a scapito della velocità di ricarica per dispositivo collegato. Durante la sessione di ricarica, le spie blu indicano la potenza rimanente; quando l'ultima luce lampeggia significa che il NPB4 è quasi vuoto.

Una delle caratteristiche speciali del NPB4 è che è impermeabile (IP68) senza che le porte di ricarica siano coperte da gommini. Ero molto curioso di questo, quindi il mio primo test è stato provare se questo power bank potesse davvero resistere a un forte acquazzone. Quindi, il tempo di andare fuori e lasciare che il power bank si bagnasse. Non si è mosso... Anche se il produttore ha usato o-ring per rendere le porte di ricarica impermeabili, è saggio asciugare le porte prima di collegare qualcosa dopo. Dopo la pioggia, il NPB4 ha continuato a funzionare come prima, il che significa che ha superato questo test a pieni voti!

Ciò che porta il NPB4 al livello successivo è l'utilizzo sott'acqua! L'ho portato al fiume locale e ho gettato il power bank, il cavo di ricarica e tutto il resto, in acqua. E sì, il mio smartphone (anch'esso impermeabile) si è caricato come al solito mentre il NPB4 era sul letto del fiume. Quindi è sicuramente giusto dire che questo power bank può ancora funzionare sott'acqua. Assicurati di non inserire le spine sott'acqua: questo non farà bene alla tua attrezzatura e può causare malfunzionamenti. Inoltre, non è intenzione del power bank essere usato sott'acqua per molto tempo - secondo il produttore, mezz'ora è il massimo. Anche se ho trovato questo test un po' snervante, questo powerhouse Nitecore ha trionfato di nuovo!

Ecco cosa mi piace del Nitecore NPB4:

La sua resistenza è un punto di forza; sai che puoi caricare il tuo (grande) smartphone o tablet più volte di seguito, anche quando sei fuori in mezzo al nulla. È anche bello sapere che questo power bank può resistere in tutte le stagioni meteorologiche - il NPB4 non si preoccupa se nevica o piove, e continua a caricare anche sott'acqua.

Cose che potrebbero essere migliori:

Secondo me, il Nitecore NPB4 non ha punti deboli. In termini di equipaggiamento, mi manca un buon caricabatterie; molte persone usano ancora un caricabatterie (da telefono) con un'uscita tra 1A e 2A, che in realtà è troppo scarso per questo power bank. Trovo anche i colori blu che Nitecore usa per lo stato della batteria meno chiari dei "tradizionali" rosso e verde.

Conclusione:

Certo, il NPB4 non è un affare. D'altra parte, è un accessorio super pratico che diventa rapidamente indispensabile. Che tu sia seduto in giardino con un telefono quasi vuoto, o che tu stia passando del tempo con diverse persone sulla spiaggia o su una barca - con il NPB4, non dovrai preoccuparti se il tuo telefono o tablet sopravviverà senza una presa di corrente a portata di mano. Anche per le passeggiate, non è troppo pesante da portare dentro o sullo zaino. Aggiungi a questo la sua facilità d'uso e il fatto che è impermeabile, e ti renderai presto conto che hai fatto un grande acquisto!

Koen van der Jagt

Da quando ha potuto camminare, Koen si è interessato a torce, fili e batterie. Da bambino lavorava sempre con torce da dyno, luci per biciclette e scatole elettriche. Le torce alogene e di krypton sono state sostituite da luci a LED. Un paio di anni fa ha scoperto la ''roba professionale''. I suoi primi brand sono stati Led Lenser e Fenix. La fotografia è uno dei suoi hobby. Oltre alla natura e alla metereologia Koen ama mostrare agli altri cosa una torcia può fare e come appare il suo raggio di notte. Le recensioni di Koen si trovano spesso su forum come candlepowerforums.com e taschenlampen-forum.de. Nel corso degli anni Koen ha collezionato torce di praticamente ogni categoria: dalle piccole e compatte alle torce di grande potenza.

Temi correlati
Spedizione
ups
Metodi di pagamento
payment-visa
payment-mastercard
payment-paypal
ITItalia