Recensione: 5 torce per dentro e intorno la casa

Sono sicuro che in ogni casa, indipendentemente dove, c'è da qualche parte una torcia. In caso di mancanza di corrente, durante quel compito difficile in soffitta, nel capannone o in macchina una torcia sarà indispensabile! Essendo appassionato di torce, mi trovo spesso alla ricerca di torce. Quelli in cui mi imbatto, però, sono spesso semplici o obsolete, non valgono molto. C'è poi il dubbio se le batterie son cariche...

Certamente queste torce ti daranno luce, ma sono lontane dall'essere più che decenti. Un'opzione migliore e più affidabile può essere trovata da Knivesandtools: torce che potrebbero costare un po' di più, ma che non ti abbandonano quando ne hai più bisogno. La gamma di questi 'tutto-fare' è ampia; ogni torcia ha le sue proprie caratteristiche, rendendo la scelta ancora più difficile. In questo confronto parlerò di cinque torce diverse che hanno una cosa in comune: producono molta luce! Daremo un'occhiata alle torce, le confronteremo, e ovviamente, le useremo. In questo modo ti aiuterò a scegliere la torcia che più ti si addice.

I candidati

Prima l'introduzione! In termini di prezzo, le cinque non sono poi così diverse. Il più economico e il più costoso differiscono di circa 25 euro. Ho testato il Nitecore P12, il Fenix PD25, il Fenix UC30-2017, il LedLenser P7 e il Maglite MAG-TAC. La torcia più costosa è anche la migliore?

Unboxing

Quando guardiamo le confezioni vediamo che ogni produttore ha avuto pensieri diversi su come avvolgere le loro torce. Sia le torce Fenix che Nitecore vengono in delle scatole di cartone che contengono un supporto di plastica che mantiene ordinatamente la torcia e gli accessori inclusi. La Maglite è conservata in una confezione sigillata che devi aprire per far uscire la luce. La LedLenser è stata avvolta in una bella confezione con un aspetto e tatto di classe. Personalmente, sento che questa è la scatola più bella e più pratica; la guarnizione intorno alla Maglite è incredibilmente poco pratica. In termini di contenuti il Nitecore è la migliore e la LedLenser la "peggiore". Gli unici accessori inclusi con la MAG-TAC è il cacciavite torx per rimuovere la clip. Un cavo di trasporto o un cinturino da polso e una fondina come sono inclusi con gli altri quattro avrebbero dovuto essere inclusi per questo prezzo. Qui sotto un'immagine che mostra le scatole per lo più colorate con il loro contenuto!

Grandezza

Molte torce di cui parliamo qui, eccetto per la Fenix PD25, sono tutte torce di 'classe media compatta'. Facile da portare con te in tasca senza che diventi poco pratico o pesante; all'interno o attaccato alla tasca dei jeans è anche un'opzione. La MAG-TAC si distingue perché è un po' più alta, la LedLenser ha un corpo più spesso perché porta tre batterie AAA. La Fenix PD25 è diversa: è molto più piccola che il resto e quindi facile da portare discretamente nella tua giacca. Se si hanno mani grandi, questa torcia potrebbe essere un po' piccola. Personalmente penso che la UC30-2017 ha la grandezza migliore come ‘Everyday-carry light’, seguita dalla Nitecore. La LedLenser è piuttosto spessa e la MAG-TAC è un po' grossa. La PD25 è così compatta che a volte la perdi nella tua tasca.

Alimentatori elettrici

Abbiamo raggiunto una caratteristica chiave! Ci sono molti tipi diversi di batterie che vanno dalle grandi alle piccole, dove le nuove tecniche permettono di recuperare sempre più potenza dalle batterie compatte. La LedLenser funziona con tre batterie AAA. Facile da comprare, e non costosa. Purtroppo la P7 non funziona con le batterie ricaricabili. Di conseguenza, dovrai acquistare nuove batterie quando quelle vecchie si esauriscono. La MAG-TAC inoltre non può gestire le batterie ricaricabili; questa luce utilizza due batterie CR123A. Individualmente queste sono molto più costose delle batterie da 1,5 volt, ma hanno i loro vantaggi: possono sopportare temperature molto basse e possono essere conservate per molto tempo senza perdere la loro forza. La PD25 funziona anche con una batteria CR123A singola. Meglio per l'ambiente e grazie alla tensione più alta la luce ti fornirà più luce nella modalità più alta. Sia la Nitecore P12 e la Fenix UC30 funziona sia con due batterie CR123A che con ina singola 18650. Personalmente raccomando di usare la batteria 18650 ricaricabile. Fate però attenzione alla giusta polarità. Le torce Fenix e Nitecore usano entrambe i cosiddetti 'button-tops'. Preferisco le torce con batterie ricaricabili, soprattutto quando si usa spesso la luce. Tuttavia, mi piace anche tenere vicino un set di batterie CR123A: indispensabili in quella fredda giornata invernale nevosa o come riserva.

Fonte di luce

Per le fonti di luce quanto segue vale: tutte le torce LED sono diverse il che è evidente quando guardi alle cinque torce qui testate. Tutte sono testate con una torcia LED diversa. Discuteremo tutte le fonti di luce ma prima quanto segue: per raggiungere la sua piena potenza, una luce LED ha bisogno del giusto riflettore. Una piccola torcia LED con un riflettore lungo e profondo creerà un piccolo raggio che un riflettore poco profondo con una fonte di luce più grande. Discuterò questo in seguito durante la prova sul campo con esempi concreti. Torniamo alle torce LED. La Maglite MAG-TAC è l'unica torcia con una fonte di luce sconosciuta: il fabbricante non dice niente di ciò. Vediamo una piccola torcia LED che, combinata con il riflettore profondo, brilla abbastanza lontano. LedLenser non enumera specificamente il tipo di torcia LED usata: la P7 ha la più grande torcia LED delle cinque luci testate che ascolta il nome High End Power LED. Perchè LedLenser usa lenti convesse che funzionano come un tipo di lente d'ingrandimento, la P7 ha anche una grande distanza del raggio. Grazie al sistema di messa a fuoco continua si può anche rendere il fascio uniforme e ampio; per anni questa è stata una funzione popolare per molti utenti. La Nitecore P12 ha una torcia LED XM-L2 U2: questa sorgente conferisce all'utente un raggio leggermente più ampio che la MAG-TAC e non arriverà così lontano. La Fenix PD25 è stato arricchita con una torcia LED XP-L (V5): una potente torcia LED che, combinata con il riflettore leggermente poco profondo produce un fascio piuttosto ampio. La UC30-2017 ha ricevuto una luce LED completamente diversa, di nuova generazione: una luce LED XP-L HI. Questa torcia LED non ha il coprilente "convesso" e quindi ha un fascio intenso, ma anche abbastanza ampio. Come tale, la luce ha una grande distanza del fascio e illumina una superficie piuttosto ampia. Come puoi vedere tutti i candidati sono arricchiti da una luce LED che fa brillare la luce piuttosto lontano; solo la LedLenser ha l'opzione di un fascio completamente uniforme senza hotspot che è adatto per brevi distanze. Più tardi si parlerà dei profili di luce!

Impressioni

Cinque torce che sono, in termini di grandezza, non così diverse, ma hanno tutte il loro 'aspetto e tatto'. La Maglite, per esempio, sembra "dura e indistruttibile"; la LedLenser ha accenti rossi brillanti e le torce Fenix e Nitecore hanno optato per un design senza fronzoli.

Maglite MAG-TAC

La struttura grezza del corpo della Maglite si adatta bene al design. Inoltre, la struttura sporgente della testa della torcia e il tappo finale risalta. La MAG-TAC ha la clip (da cintura) più lunga e forte di tutti e cinque. La torcia sembra solida ma ha, secondo me, un aspetto meno forte: la testa della torcia. La testa può (come l'unica delle luci testate) essere facilmente smontata dopo di che la luce LED sarà esposta. Questo significa che la MAG-TAC è solo resistente agli spruzzi. Le lenti sono anche fatte di plastica, il che è insolito per i concorrenti.

LedLenser P7

La LedLenser P7 ha un design senza tempo che si è dimostrato valido per anni. Tuttavia, è un po' "cicciotto", il che è anche il risultato dell'involucro che ospita tre batterie una accanto all'altra. Il design è molto bello ed elegante, l'interruttore rosso e i punti rossi illuminati nella testa funzionano bene. Dietro l'obiettivo (che è anche in plastica) vediamo, in posizione ingrandita, la marca e il brevetto incisi nel riflettore. Un bel dettaglio di stile. Inoltre, ha una bella finitura e sembra accuratamente pensato. Non mi piace molto l'adesivo sulla testa che ti avverte di non guardare la luce forte: il produttore dovrebbe semplicemente inciderlo nella testa della torcia.

Fenix UC30

Nonostante il fatto che la UC30-2017 ha un aspetto semplice e austero, Fenix ha conferito a questa torcia una caratteristica speciale. Attorno alla testa della torcia puoi trovare un anello di gomma che protegge anche la porta USB da polvere e acqua. Ne ricevi tre: una viola, una verde e una nera. Così puoi personalizzare la UC30-2017, ma ne avrai anche subito un paio di ricambio. L'interruttore laterale in metallo color bronzo si abbina perfettamente all'insieme. La torcia sembra buona e ha una bella finitura. I bordi dell'interruttore sembrano leggermente affilati: oltre ciò non ho più altre cose 'negative' da dire su questa torcia.

Fenix PD25

Lo stesso vale per il modello più piccolo, Fenix PD25. la torcia è chiaramente la più piccola delle cinque e supera di poco la metà della lunghezza delle altre torce. Grazie alla batteria più piccola, il design della PD25 è più equilibrato, le proporzioni sono migliori. Ha un bel design, il che, in termini di aspetto e tatto, beneficia della clip color argento e dell'interruttore laterale.

NiteCore P12

Il design della Nitecore P12 sembra un po' sopra le righe, lo si nota immediatamente che è un design più vecchio. La P12 è la più lunga di tutte e cinque e l'unica arricchita con un anello tattico, che si può anche rimuovere facilmente. L'interno della torcia è stato arricchito con un sacco d'informazioni incise; le informazioni su come è necessario rimuovere uno strumento come questo sono ottime, ma non credo che abbia bisogno di essere inciso all'interno della luce. L'interruttore laterale illuminato è una caratteristica che colpisce sul P12. La Nitecore P12, come altre torce, si sente solida. In effetti, non ci sono torce che deludono durante il giro introduttivo: hanno una bella finitura e possono sicuramente cavarsela. Potresti pagare un po' di più queste torce, ma si riceve un prodotto solido che supera di gran lunga le torce che costano solo un po'.

Possibilità

Naturalmente una torcia è, prima di tutto, lì per illuminare il tuo percorso ogni volta che ne hai bisogno, ma per la maggior parte degli utenti questo non sarà sufficiente. Essere in grado di scegliere tra diverse emissioni di luce, potrebbe, per esempio, essere un must. Dopotutto, al chiuso non avrai bisogno di tanti lumen quanti potrebbero servirti quando esci per portare a spasso il tuo cane in un parco buio. In questo caso le luci Nitecore e Fenix sono le migliori: la Fenix UC30-2017 ha cinque modalità di luce bilanciate. È così che funziona! Puoi facilmente caricare la torcia per adattarti alle circostanze. Inoltre, una modalità più bassa può sicuramente prolungare la vita della batteria! La più piccola Fenix PD23 e la Nitecore P12 sono entrambi migliorati con quattro modalità di luce; anche più che sufficiente. Dopo di che viene il LedLenser P7 con tre modalità e il Maglite MAG-TAC con due. In ogni caso la P7 e la MAG-TAC non sono eccessivamente attrezzati in questo senso: manca anche una modalità stroboscopica, mentre questa modalità è effettivamente inclusa sia nelle luci Fenix che nella Nitecore P12. Questa modalità di "autodifesa" ti dà una sorta di certezza in un vicolo buio o in una foresta. La presenza o l'assenza di questa caratteristica sarà sicuramente un motivo di rottura per alcuni utenti. La Nitecore è l'unica luce potenziata con una cosiddetta "moonlight-mode": una modalità molto efficiente dal punto di vista energetico che ti permette di vedere abbastanza al chiuso senza disturbare gli altri. Inoltre, la P12 ha due modalità di lampeggio: una modalità SOS in caso di emergenza e una funzione lampeggiante (con cono opzionale) per segnare qualcosa. Inoltre, la Nitecore ti dà la tensione attuale della batteria tramite l'interruttore laterale illuminato di blu. Incredibilmente pratico! La stessa caratteristica si trova sull'UC30-2017 nell'interruttore che si accende in rosso e verde. La PD25 non ha un indicatore, ma ti avverte quando la batteria è scarica perchè inizia a lampeggiare. La Ledlenser e la Maglite non hanno questa funzionalità; di conseguenza, potresti trovarti inaspettatamente con una batteria scarica. Tutte le torce, eccetto per la UC30-2017 hanno una funzione 'momentary-on' che significa che è possibile accendere la luce tramite l'interruttore sul retro della luce finché si tiene premuto il pulsante. Pratico perché permette di accendere e spegnere silenziosamente la luce senza disturbare l'ambiente circostante. La Nitecore P12 e la Fenix UC30-2017 hanno chiaramente la maggior parte delle opzioni, la Maglite MAG-TAC meno.

Esperienza dell'utente

Anche se tutte le torce (tranne la Fenix PD25) sono abbastanza simili in termini di lunghezza, non significa che si sentano tutte così bene in mano. Dopo tutto, lo spessore del corpo e la struttura determinano se una luce si sente bene in mano e può essere facilmente controllata. E la posizione dell'interruttore? Tutte le torce devono essere tenute nel cosiddetto modo tattico, cioè con quattro dita avvolte intorno alla luce mentre si tiene il pollice sull'interruttore posteriore. La LedLenser e la Maglite possono essere controllate solo con l'interruttore posteriore. La UC30-2017 è leggermente diversa in quanto si controlla tramite l'interruttore laterale, che è anche il motivo per cui si tiene in modo diverso, il pollice posto sotto la testa della luce. Il modello piccolo di Fenix e la Nitecore hanno entrambi due interruttori; è possibile accendere la luce con l'interruttore posteriore e selezionare la modalità giusta con l'interruttore laterale. Penso ancora che questo è il miglior modo per me di controllare come una torcia funziona meglio.

I controlli sono diversi per tutte le torce: alcuni modelli richiedono sicuramente un po' di tempo per abituarsi. La MAG-TAC, per esempio, ha i comandi più anticonvenzionali, anche se non sono illogici. Quando premi l'interruttore posteriore una volta che la torcia si accende nella modalità massima finché si tiene premuto l'interruttore. Se si vuole mantenere la torcia accesa, bisogna premere brevemente due o tre volte. Quando si preme due volte la MAG-TAC si accende nella modalità più alta, quando si preme tre volte si finisce con una modalità inferiore E questo è tutto. La MAG-TAC non ha altre opzioni. Bene perché non sarà mai troppo complicato. Tuttavia, mi manca una modalità economica e una funzione lampeggiante o stroboscopica su questa torcia. Inoltre, la torcia selezionerà sempre la modalità più alta quando si accende e non ha una funzione di memoria per l'ultima modalità utilizzata. I controlli attraverso l'interruttore di gomma, un po' rigido, funziona molto bene. La torcia si sente ottima in mano, anche grazie alla struttura grezza del corpo. Puoi facilmente localizzare l'interruttore, ma è leggermente occultato; quando stai indossando dei guanti potrebbe essere un po' più difficile trovarli nel buio.

I controlli della LedLenser sono simili a quelli della MAG-TAC, perchè questa torcia passerà immediatamente alla modalità più alta quando accesa. La differenza, tuttavia, è che se non si fissa l'interruttore si può passare continuamente tra le tre modalità di luce rilasciando e premendo brevemente l'interruttore. L'ordine è: alto - medio - basso e così via. La P7 non ha inoltre caratteristiche aggiuntive accanto alle tre modalità di luce, quindi nessuna modalità economica bassa. La caratteristica più importante si trova nella testa della torcia: il fascio può essere regolato estendendo o ritraendo la testa della torcia. Quando è esteso il fascio sarà focalizzato e quindi destinato a brillare più lontano; quando è retratto il fascio sarà ampio e uniforme, quindi perfetto per le brevi distanze. La P7 è leggermente più spessa e quindi non è così comodo in mano come gli altri. Il corpo è anche molto liscio. Di conseguenza, le possibilità che ti scivoli tra le dita sono un po' maggiori. Anche questo interruttore è leggermente nascosto ma molto più grande di quello del MAG-TAC. Come tale, il pulsante di gomma sarà sempre facile da trovare.

Puoi accendere la Nitecore premendo l'interruttore sul retro: premere leggermente per la luce momentanea, cliccare per la luce continua. Quando si accende la luce ti darà sempre l'ultima modalità utilizzata, cosa che personalmente trovo molto comoda. Di conseguenza, puoi sempre accenderlo in casa nella modalità più bassa senza disturbare i tuoi coinquilini. Dopo averla accesa si può passare attraverso le quattro modalità di luce o le tre modalità lampeggianti. Le modalità lampeggianti non sono difficili da trovare: premi l'interruttore laterale per due secondi e la luce si accenderà nella modalità stroboscopica accecante. La P12 ricorda anche questa modalità; è possibile utilizzare rapidamente questa modalità difensiva in caso di emergenza. Come si addice a Nitecore questo tuttofare è stato anche arricchito con una serie di grandi gadget. Il più importante è quello di poter vedere la tensione della batteria con una precisione di 0,1 volt. Incredibilmente pratico perché permette di caricare la torcia in tempo. La P12 è relativamente lunga, ma si sente comunque bene in mano; l'anello tattico dà una presa supplementare. L'interruttore sul retro e quello laterale sono facili da trovare.

La Fenix UC30-2017 è diversa in termini di controllo se paragonata ad altre torce. L'interruttore localizzato sul lato significa che devi mantenere la torcia diversamente. L'interruttore sostenibile (acciaio) deve essere premuto per circa un secondo per accendere o spegnere la luce; la Fenix ricorda anche l'ultima modalità utilizzata. Dopo aver acceso la torcia è necessario premere brevemente verso il basso per percorrere le cinque modalità. L'UC30-2017 è stato anche migliorata con una modalità stroboscopica che è possibile attivare da qualsiasi modalità premendo il pulsante per circa due secondi. Ottimo perché significa che non devi mai pensarci! Questa torcia ha anche un'indicazione della tensione residua della batteria, che è incorporata nell'interruttore. La torcia si sente bene in mano e le dimensioni sono buone. L'interruttore, tuttavia, è leggermente piccolo ma può ancora essere facilmente trovato al buio quando non si indossano i guanti. Anche la ricarica è molto semplice, l'indicatore nell'interruttore diventa rosso quando si carica e verde quando la batteria è piena. Non può andare male. È possibile selezionare la modalità di blocco premendo il pulsante tre volte di seguito. Come controllo finale, la torcia lampeggia due volte quando è bloccata. Premilo due volte di seguito e potrai ricominciare a usare la torcia!

La Fenix PD25 è stato migliorata con controlli "doppi": è possibile accendere la torcia utilizzando l'interruttore posteriore e selezionare le modalità tramite l'interruttore laterale. Funziona molto bene su questa torcia. Come tale ti assicuri anche che non si accenda accidentalmente in tasca: il rischio è molto minore per una luce che deve essere accesa attraverso la parte posteriore. La PD25 ha anche un interruttore in acciaio. Come tale questa luce, e il suo fratello, sono gli unici con un interruttore indistruttibile. Non ha una tensione effettiva della batteria, ma ti dice quando la batteria si sta scaricando: la luce ti darà regolarmente un segnale lampeggiante. L'interruttore di accensione e spegnimento è facile da trovare al buio, l'interruttore laterale, invece, non è così facile da trovare (soprattutto quando si indossano i guanti). Consiglio per il produttore: un piccolo indicatore nell'interruttore laterale e saprai sempre dove trovarlo!

Colore e immagine della torcia

L'immagine della torcia è principalmente determinata dalla combinazione della fonte di luce utilizzata (ci sono centinaia di luci LED diverse) e il riflettore. Tutte le torce hanno il loro profilo luminoso perché non hanno la stessa combinazione di luce LED e riflettore. Una piccola torcia LED, come quella della Maglite MAG-TAC, ti lascia un fascio più stretto rispetto a una fonte di luce più grande come, per esempio, quella della Nitecore P12. Un fascio stretto non è così accecante per te stesso e arriverà più lontano per assicurarti di poter esporre gli oggetti mirati da una distanza maggiore. La Fenix UC30-2017 ha un'altra opzione: una torcia 'LED' piatta, quindi senza lenti convesse. Questo ti lascia con un profilo più focalizzato e sottile perché la lente normalmente disperde la luce. Come tale è importante considerare anche queste caratteristiche quando si sceglie il modello giusto. Più avanti in questa recensione troverai un paio di fotografie realistiche che ti mostrano come appare nella vita reale! Anche il colore della luce è importante: i colori caldi funzionano meglio quando c'è la nebbia, perché non si avranno tanti riflessi. Anche i colori vengono al loro meglio. La luce bianca fredda non è così accecante e arriva più lontano. Qui sotto puoi vedere tutti e cinque i concorrenti in fila, puntati verso un muro bianco. Questo confronto mostra chiaramente la differenza di colore.

Nel profilo del MAG-TAC si vede chiaramente che viene utilizzata una sorgente luminosa più piccola e un riflettore profondo. La luce è principalmente concentrata nel mezzo, la luce ha un punto caldo relativamente piccolo e una corona media (la luce intorno al punto caldo). La corona, piuttosto bruscamente, si trasforma in una grande superficie con una debole luce residua. Un profilo tipico per questa combinazione di luce LED e riflettore. In realtà questa luce è quindi un po' più adatta a distanze più lunghe perché lo spot può avere un effetto accecante a breve distanza. Potresti rendere il profilo un po' meno concentrato allentando la testa della torcia. Il profilo diventerà molto più uniforme, ma si vede comunque chiaramente una diminuzione della portata. Specialmente quando si usa in interni si possono vedere chiaramente gli anelli nel profilo, che non trovo così attraente dal punto di vista ottico; molti concorrenti hanno fatto un lavoro migliore in questo senso. La luce ha una tonalità fredda che ha un po' di blu. Questo è più evidente quando si utilizza la luce accanto alla Fenix o alla Nitecore.

LedLenser lavora da anni con il sistema di messa a fuoco brevettato. La luce LED brilla attraverso una lente d'ingrandimento e si può ingrandire e rimpicciolire. Quando focalizziamo completamente la torcia possiamo vedere un grande hotspot, c'è solo una piccola corona e quasi nessuna luce residua visibile. Con lo zoom si può andare così lontano e vedere l'hotspot completamente ingrandito per così dire; come tale si rimane con un profilo completamente liscio che ha perso molto della sua intensità e della sua gamma. In realtà si può quindi andare da un fascio completamente focalizzato e di grande portata fino a un fascio largo per brevi distanze. Inoltre, si può anche optare per un mezzo felice zoomando mezzo dentro o fuori. Questa opzione piacerà a molti utenti! Il sistema di messa a fuoco influisce però sull'ottica: comincerai chiaramente a vedere degli anelli nel profilo. Soprattutto al chiuso questo è facile da vedere e, francamente, non ha un bell'aspetto. Il colore della luce è molto freddo, ma fortunatamente non troppo blu. Qui vale lo stesso: risalterà maggiormente quando si confronta il P7 con una luce più "calda". La Fenix PD25 è la torcia più piccola in questo test e, come tale, ha la testa più piccola. Perchè ha una luce LED relativamente grande, questo lo si può vedere chiaramente nel profilo della luce. Un hotspot grande e uniforme e una corona simile con relativamente poca fuoriuscita (la luce residua). Avrai un profilo uniforme e liscio a breve distanza, anche se la luce, grazie alla luce LED utilizzata in combinazione con la batteria, ha ancora una gamma decente. Un tipico esempio di un cosiddetto "profilo a tutto tondo". Come tale è pratico in casa, ma anche più che sufficiente durante una passeggiata serale. Il profilo è bello e uniforme, non ci sono macchie o segni taglienti da nessuna parte. Da Fenix hanno fatto proprio un bel lavoro. Il colore è chiaramente meno freddo della Maglite e della LedLenser, anche se non possiamo ancora chiamarlo bianco neutro. In condizioni di umidità come nebbia o foschia questo colore sarà perfetto.

Il modello anteriore, Fenix UC30-2017, è l'unico che utilizza una luce LED piatta (XP-L HI V3). Lo si può vedere chiaramente nel profilo: un hotspot relativamente concentrato e luminoso. Intorno ad esso si può vedere una corona media che gradualmente passa alla fuoriuscita. Come tale l'immagine della luce copre una grande superficie, ma ha anche un buon raggio. Questo è chiaro anche all'esterno: l'UC30-2017 è, in termini di portata, il migliore nel test, ma copre anche l'area più ampia ad una distanza inferiore. È davvero sorprendente quanta superficie può essere coperta da una torcia così compatta. È una luce che sicuramente riesce a svolgere il proprio compito anche all'esterno quando si usano le modalità più alte. Quando si è al chiuso, raccomando di usare solo le modalità più basse. Questo profilo è anche bello e uniforme: nessun punto scuro o anello. La tonalità bianco freddo ha il colore che dovrebbe avere, non troviamo tracce di blu.

La Nitecore P12 è stata in giro un po' più a lungo, ma la potente luce LED è ancora un concorrente. La P12 ha il punto caldo più grande di tutti e cinque, con una corona di medie dimensioni che gradualmente si trasforma in una fuoriuscita piuttosto consistente. Un profilo veramente 'misto' con cui si può fare molto. Si può facilmente illuminare il percorso avanti a brevi e medie distanze. In termini di profilo leggero questa Nitecore è un assoluto tuttofare. Con questa torcia si vede anche il vantaggio di una testa non a fuoco nel profilo. La forma è splendidamente uniforme e rotonda; non si trovano macchie o anelli. Qui si vede anche una buona tonalità di bianco, ma fredda, e fortunatamente nessuna tonalità blu o verde.

Fasci di luce

Era ora, dopo aver discusso i profili, di vedere come sono le torce nella realtà. Il sito del test è un molo lungo un fiume con alcuni salici su entrambi i lati. Una panchina si trova a circa cinquanta metri. Qui possiamo vedere chiaramente la distanza del fascio di luce e quanto è grande la superficie totalmente illuminata. Tutte le fotografie sono fatte con le stesse impostazioni e dalla stessa posizione. Ora si può vedere magnificamente la distinzione dei colori in base, tra l'altro, all'erba e alle foglie degli alberi. Per essere sicuro di non lasciarti con un'abbondanza di fotografie, ho testato e fotografato le luci solo nella modalità più alta. Guarda e confronta!

Di nuovo le luci nella stessa posizione solo che ora la telecamera è posizionata un po' più a sinistra. Le immagini mostrano ancora una volta chiaramente la distanza del fascio nel modo più alto.

Per dare un'impressione delle distanze del fascio, ti mostrerò ora alcune fotografie mentre le luci sono tenute in mano. L'albero più alto dietro la fila di alberi (di cui sto cercando di illuminare la cima) si trova a circa 75 metri. Poiché stiamo parlando di distanze, ho testato solo la Maglite e LedLenser in modalità spot

Conclusione

Come abbiamo visto in questo confronto, ogni torcia ha i suoi punti di forza e di debolezza. È importante sapere anche per cosa userai la torcia. Se usi la torcia in maniera intensiva, non puoi ignorare le versioni con le batterie ricaricabili. Fenix UC30-2017 è il migliore in questo senso, seguita dalla Nitecore P12. La Fenix PD25 è ottima per la sua grandezza e perchè è praticamente invisibile quando la porti con te. Questa torcia, tuttavia, ha una batteria più piccola che significa che non durerà a lungo come le altre versioni con una batteria 18650. LedLenser è sorprendente in termini di quanta luce emmette per una torcia con solo tre batterie AAA. Il profilo può essere facilmente aggiustato e le batterie non ricaricabili non sono costose, ma non sono nemmeno sostenibili. La Maglite MAG-TAC non ti abbandonerà mai, anche in condizioni di congelamento grazie alle batterie CR123A. Devi, tuttavia, comprare nuove batterie per questa torcia. Tutte le torce testate possono gestirsi da sole, ma non sono tutte impermeabili. Le torce Fenix e Nitecore possono sopportare di essere buttate in acqua, la Maglite e la Lendlenser, tuttavia, sono resistenti solo agli spruzzi.

Considerando tutte i punti deboli e quelli forti, posso dire personalmente sono più propenso a scegliere la Fenix UC30-2017 e la Nitecore P12 perchè queste torce offrono la migliore combinazione di facilità d'uso, sostenibilità, resa luminosa e impermeabilità. La prossima sarebbe la LedLenser con il fascio sorprendentemente potente e focalizzabile e la piccola Fenix PD25. La Maglite ha l'aspetto e il tatto più duro e ha costruito una buona reputazione come un marchio molto forte, ma la luce stessa è in termini di possibilità e facilità d'uso non buona come il resto.

Infine vorrei prendere il tempo per ringraziare Knivesandtools per aver messo a disposizione queste torce per questo confronto. Spero di averti aiutato a conoscere il mondo delle torce e che questo test ti aiuti a fare la scelta giusta!

Koen van der Jagt

Da quando ha potuto camminare, Koen si è interessato a torce, fili e batterie. Da bambino lavorava sempre con torce da dyno, luci per biciclette e scatole elettriche. Le torce alogene e di krypton sono state sostituite da luci a LED. Un paio di anni fa ha scoperto la ''roba professionale''. I suoi primi brand sono stati Led Lenser e Fenix. La fotografia è uno dei suoi hobby. Oltre alla natura e alla metereologia Koen ama mostrare agli altri cosa una torcia può fare e come appare il suo raggio di notte. Le recensioni di Koen si trovano spesso su forum come candlepowerforums.com e taschenlampen-forum.de. Nel corso degli anni Koen ha collezionato torce di praticamente ogni categoria: dalle piccole e compatte alle enormi centrali elettriche.

Temi correlati
Spedizione
ups
Metodi di pagamento
payment-visa
payment-mastercard
payment-paypal
ITItalia