Hai un navigatore gravemente obsoleto. Il sito web potrebbe non funzionare correttamente.

Ordina oggi, verrà spedito lunedì
Spedizione gratuita da 100 €
Resi gratuiti entro 30 giorni
I nostri clienti ci valutano con 5 stelle

Ledlenser P7R Core, Signature e Work | Recensione dell'Esperto Koen van der Jagt

Posso immaginare che, quando si inizia a cercare una buona torcia, non si riesca a inquadrare bene la situazione: le pagine dei prodotti mostrano spesso decine di opzioni di luci di dimensioni simili. Anche Ledlenser lo fa con la famosa P7R: ne esistono ben tre versioni! Sono tutte uguali o ci sono delle differenze? In questo confronto analizzo questo trio e ti aiuterò a fare la scelta giusta!

Il trio della collezione Ledlenser P7R

Le prime impressioni:

Tutte e tre le torce sono pronte all'uso al momento della consegna. La versione Signature e la versione Work, invece, superano le aspettative in termini di equipaggiamento e accessori. Queste serie includono un supporto/caricabatterie da parete, un fodero di lusso, una clip da cintura e un caricabatterie, mentre la Core è la versione "nuda" con solo un cavo di ricarica, un cordino e una batteria.

Pronte per l'uso, compresi gli accessori necessari

Si capisce subito che questi apparecchi appartengono alla stessa famiglia quando li si tiene uno accanto all'altro; eppure ci sono anche chiare differenze ottiche in questi strumenti di medie dimensioni e sottili. La P7R Core (il modello base) ha le linee più eleganti, che personalmente mi piacciono. La P7R Signature è arricchita da una solida clip da cintura e da un cordino regolabile, ma il dettaglio più sorprendente è l'anello rotante direttamente sotto la testa della torcia, che consente di selezionare rapidamente l'opzione luminosa giusta. La P7R Work è la più grande delle tre e ha un aspetto completamente diverso, con la testa in gomma solidificata e il tappo della batteria che la rendono "a prova di rimbalzo": può sopravvivere a una caduta fino a 3 metri!

La P7R Signature è arricchita da una clip in acciaio e la Work da una testa e un dorso a prova di rimbalzo

Non manca nemmeno il marchio di fabbrica di Ledlenser: il sistema di messa a fuoco avanzato. Con esso è possibile regolare facilmente il fascio luminoso da stretto e lontano ad ampio e ravvicinato. L'obiettivo è leggermente convesso con una struttura fine per diffondere la luce, per la P7R Work l'obiettivo è protetto da un vetro. Quando si gira la testa si vede la luce LED in modalità flood, mentre in modalità throw la sorgente luminosa è nascosta alla vista.

La P7R Work (a destra, modalità flood) e la P7R Signature (al centro, modalità throw) sono dotate di una luce LED più grande rispetto alla P7R Core (a sinistra)

In termini di aderenza, le differenze sono evidenti. La Core ha una presa minima e questa luce rotola via facilmente anche su una superficie liscia. La Signature si sente un po' meglio in mano grazie alla clip e all'anello per le modalità di preferenza. La Work offre la massima presa grazie alla testa più grande e alla protezione in gomma grossa. Tuttavia, non bisogna preoccuparsi che le torce scivolino dalla mano: grazie alla lunghezza e al fatto che i pulsanti sono più grandi del corpo, di solito la presa è sufficiente.

La P7R Core (al centro), con il suo involucro liscio, può rotolare via facilmente

La qualità costruttiva e le finiture sono sorprendenti; non riesco a trovare nulla di sbagliato in questo trio Ledlenser. Il fatto che il produttore offra una garanzia di 7 anni la dice lunga!

Quando e come:

La collezione P7R è ideale per essere utilizzata in molte situazioni, nonostante non possa essere inserita nel taschino o nel portachiavi. La P7R Core è "perfetta per tutti" e si sente a proprio agio in casa e nei dintorni: durante i lavori di bricolage, una passeggiata al buio e molto altro ancora. La P7R Signature è un ottimo compagno con modalità pratiche che consentono di selezionare immediatamente la modalità di illuminazione giusta (rosso per la lettura di una mappa, ad esempio). La P7R Work si trova a suo agio negli ambienti di lavoro ed è un ottimo accessorio per la cassetta degli attrezzi. D'altra parte, è bene sapere che la maggior parte delle funzioni e l'immagine leggera del trio si "sovrappongono"; in altre parole, tutti e tre sono in grado di affrontare molte situazioni diverse.

Controlli e comodità:

Le torce utilizzano tutte lo stesso tipo di batteria 21700 che viene caricata all'interno della torcia stessa con l'aiuto del cavo di ricarica incluso con punti di contatto magnetici. L'aspetto positivo di questo sistema è che l'acqua non può penetrare mentre si carica la luce, mentre lo svantaggio è che bisogna dipendere da un cavo di ricarica specifico. Le versioni più lussuose (Signature e Work) sono dotate di un caricabatterie da parete per essere sicuri di poter sempre estrarre la torcia dal suo supporto mentre è completamente carica. Un po' di sicurezza in più in caso di interruzione di corrente.

Work e Signature hanno un caricabatterie da parete per non perdere tempo a cercare la torcia

È possibile personalizzare le funzioni utente della collezione P7R. Per queste torce "intelligenti" è possibile scegliere tra le seguenti modalità: Modalità di backup (la batteria viene utilizzata economicamente), Modalità di emergenza (funzione di emergenza, la luce si accende quando viene prelevata dal caricabatterie), Modalità di memoria (accensione o spegnimento nella modalità utilizzata per ultima) e Modalità bassa tensione (avviso di batteria scarica). La regolazione è impegnativa: non credo che sia possibile farlo senza un manuale o un video di supporto tramite codice QR. Si inizia accendendo la luce e tenendo premuto il pulsante di controllo per 8 secondi fino a quando l'anello rosso sull'interruttore lampeggia due volte di seguito. Successivamente si preme ripetutamente il pulsante per 15 secondi per l'opzione desiderata: l'anello rosso/verde intorno all'interruttore indica la modalità scelta.

C'è l'imbarazzo della scelta per quanto riguarda le opzioni di illuminazione. Per impostazione predefinita, le luci sono impostate su tre modalità di illuminazione, più una luce laterale rossa o bianca aggiuntiva per la Signature o Work. Differenza importante: per la Work l'output è il seguente: basso - medio - alto, mentre per la Core e la Signature è alto - medio - basso. Non c'è molto tempo per scegliere la modalità di illuminazione desiderata, la luce fissa rapidamente la modalità, dopodiché è necessario accenderla e spegnerla di nuovo; la luce passa una sola volta attraverso le opzioni disponibili, dopodiché si spegne. Suggerimento: finché l'anello intorno all'interruttore è acceso, è possibile cambiare la modalità di illuminazione. Tutte le torce dispongono di una modalità boost/turbo che consente di aumentare la potenza massima per un breve periodo (10 secondi). È possibile attivare questa modalità sia dallo standby sia quando la luce è già accesa. Per molti utenti queste opzioni sono sufficienti, ma non è tutto per la collezione P7R!

La Signature (al centro) e il Work (a destra) dispongono di un'ulteriore opzione luminosa

Quando si accende la luce e si preme nuovamente il pulsante per circa 5 secondi, l'anello rosso dell'interruttore lampeggia una volta. Ora è possibile aggiungere ulteriori modalità di illuminazione e ce ne sono molte! Ne citerò alcuni: dimmerabili, lampeggianti, di segnalazione della posizione, SOS e stroboscopici. Quando si programma la luce, si noterà che l'interruttore è un po' piccolo e quindi non sempre si ha una visione ottimale dell'anello illuminato intorno ad esso. Ed è proprio quell'anello a dirti cosa avete fatto. Quando è acceso, premere il pulsante per cinque secondi finché l'anello non lampeggia una volta. Ora è possibile personalizzarlo e programmare le opzioni di luce preferite. All'inizio ci vuole un po' di tempo per abituarsi, ma a un certo punto diventerà più facile. Pratico da un lato, e forse anche divertente per i fanatici tra noi. Il video di supporto ti aiuterà anche in caso di insuccesso; il QR è elencato nel manuale. Tieni presente che le torce sono dotate solo di un blocco elettronico per il trasporto che si (de)attiva tenendo premuto l'interruttore per quattro secondi quando la luce è spenta, finché il LED non lampeggia un paio di volte.

La Signature è l'unica torcia della collezione dotata di un anello sotto la testa della lampada con quattro stop. Se l'anello è in linea con l'interruttore, la P7R Signature funziona come i suoi simili. Quando si gira l'interruttore a sinistra è possibile utilizzare solo la luce laterale rossa. Ruotando verso destra si ottiene la modalità stroboscopica e (se si fa nuovamente clic entro tre secondi) la modalità alta. Nella modalità più a destra si ha accesso immediato alle modalità SOS e lampeggiante. Personalmente adoro questo interruttore, che consente di selezionare l'opzione giusta in modo più diretto.

Questo è ciò che amo della collezione P7R:

Semplice: i punti di forza di questa collezione sono il sistema di messa a fuoco avanzato e la possibilità di personalizzare le luci.

Questo potrebbe migliorare:

L'interruttore è un po' piccolo e, soprattutto in fase di programmazione, potrebbe risultare poco pratico. La personalizzazione delle torce richiede un po' di pazienza e di tempo: fortunatamente non è necessario farlo quotidianamente.

Rapporto qualità-prezzo?

Certo, la collezione P7R non è economica e soprattutto la Luxe Signature è piuttosto costosa. D'altra parte si ottiene in cambio un prodotto intelligente con molti accessori e una garanzia di 7 anni. A questo punto posso solo dire che l'investimento vale sicuramente la pena.

La mia conclusione:

Tutte e tre le torce sono prodotti di alta qualità, possono essere caricate in modo solido e hanno un'immagine luminosa sorprendentemente buona per una luce di messa a fuoco con un profilo luminoso combinato. La possibilità di personalizzare la luce è un'ottima caratteristica, ma richiede un po' di pazienza.

La P7R Core come modello di base vince in termini di dimensioni e si adatta meglio alle tasche. La più amichevole e la più adatta come tuttofare in casa e fuori casa.

La P7R Core tuttofare si adatta ad ogni tipologia di mano

In segreto la P7R Signature è la mia preferita, grazie all'anello che consente di scegliere l'opzione giusta, tra cui il rosso per mantenere la visione notturna. Tuttavia, è di gran lunga la più costosa della collezione.

La P7R Signature è la più completa del gruppo

La P7R Work è la "roccia" di questa collezione: con questa torcia non è necessario fare attenzione come con le altre. Una grande caratteristica di questa torcia è la resa naturale dei colori degli oggetti al buio, grazie al CRI con indice 90. L'opera è inoltre arricchita da una pratica luce laterale (bianca).

La P7R Work non teme i compiti più impegnativi

Immagine luminosa e riprese del fascio di luce:

L'immagine luminosa di questo trio è quasi identica, il che non sorprende con lo stesso tipo di riflettore e di testa. Si nota che la Signature e il Work hanno una sorgente luminosa più grande, che si traduce in un hotspot più ampio. L'aspetto più notevole è il colore della luce divergente della P7R Work con la sua temperatura di colore bianco neutro di 4000 Kelvin. Questo colore offre una resa cromatica ancora migliore di notte, ma in genere ha una minore "potenza" rispetto alla tonalità bianca fredda dei P7R Core e Signature. Poiché le immagini dicono più delle parole, ho realizzato alcune foto di confronto del trio.

Il primo luogo è una strada abbandonata in un'area boschiva. Trovo impressionante che Ledlenser sia riuscita a progettare un fascio di luce "2 in 1" senza fastidiosi anelli o irregolarità. Per tutte le torce ho utilizzato solo la modalità di illuminazione più alta e mi sono assicurato che le luci fossero focalizzate al massimo.

In basso le tre P7R con fascio focalizzato. La differenza di intensità luminosa tra la P7R Core e la P7R Signature e il fascio di luce "calda" meno potente della P7R Work è notevole.

Ancora una volta la stessa posizione, ora con le luci ingrandite. A breve distanza non ti sfugge quasi nulla, mentre la fine del sentiero non si illumina.

La posizione successiva è ai margini di una foresta. Qui tengo in mano le luci torce per avere un'idea delle dimensioni. Qui si notano anche le differenze più importanti tra i tre modelli: la P7R Core ha il fascio di luce più stretto, la P7R Signature la maggiore intensità luminosa e la P7R Work la resa cromatica più naturale.

Di nuovo, ma ora le luci si sono completamente rimpicciolite. Si può notare che le versioni "bianco freddo" hanno una portata maggiore rispetto alla P7R Work "caldo". Si può notare che il sistema di messa a fuoco avanzato è una combinazione: anche nella posizione di massima messa a fuoco si raggiunge facilmente una distanza di decine di metri.

Koen van der Jagt

Da quando ha potuto camminare, Koen si è interessato a torce, fili e batterie. Da bambino lavorava sempre con torce da dyno, luci per biciclette e scatole elettriche. Le torce alogene e di krypton sono state sostituite da luci a LED. Un paio di anni fa ha scoperto la ''roba professionale''. I suoi primi brand sono stati Led Lenser e Fenix. La fotografia è uno dei suoi hobby. Oltre alla natura e alla metereologia Koen ama mostrare agli altri cosa una torcia può fare e come appare il suo raggio di notte. Le recensioni di Koen si trovano spesso su forum come candlepowerforums.com e taschenlampen-forum.de. Nel corso degli anni Koen ha collezionato torce di praticamente ogni categoria: dalle piccole e compatte alle torce di grande potenza.